Essere John Malkovich, film da vedere

Essere John Malkovich

Non è facile parlare di un film come “Essere John Malkovich” , il tema trattato è abbastanza particolare , grottesco, introspettivo e fantastico.

Essere John Malkovich
il settimo piano e mezzo

Il protagonista del film è un burattinaio da strada abbastanza apatico e di scarso successo. La moglie è un appassionata di animali ,la loro casa ne è piena.

Il protagonista vive le sue fantasie attraverso i suoi burattini. Tramite loro prendono vita le sue fantasie ,soprattutto nei riguardi di altre donne.

Affascinate la regia di questi piccoli siparietti dove alle marionette viene dato un carattere ed un espressività molto umana.

Il protagonista di “essere John Malkovich” sogna di vivere un altra vita tramite i suoi burattini.

A quanti di noi non è mai venuto in mente di immaginare cosa potesse vedere un altra persona, o di vivere le sue  esperienze guardando con i suoi occhi. Qui si và un pochino oltre , si entra dentro l’altra persona .

Detto cosi potrebbe essere riduttivo ma la modalità in cui il protagonista entra dentro John Malcovich è tutto un programma, non vi anticipo niente.

Il cast del film è di prim’ordine ,oltre a Malkovich abbiamo anche una “bruttina” Cameron Diaz  e Charlie Sheen .

 

Le ambientazioni del film appaiono sin dai primi minuti molto particolari. Il protagonista viene convocato per un colloquio di lavoro in un ufficio particolare. Esso si trova  al 7° piano e mezzo , ovvero un piano con un soffitto alto poco più di un metro.

Vi troverete dinnanzi a delle scene che sono veramente da cult del cinema .

Assolutamente accattivanti le fantasie erotiche del protagonista che prendono vita dai suoi burattini.


La regia

Il regista di questo film ha dato prova di essere un vero talento , la  visone introspettiva del personaggio  è degna di nota. Con una trama abbastanza semplice è riuscito a creare un film dalle particolarità inaspettate.

Degno di nota è anche un’altro suo film del 2014  “Lei”, che con largo anticipo tratta gli argomenti tecnologico-sociali della famosa serie “Black mirror” ,con una visione un po meno distopica.

 

Valutazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *