Requiem for a dream ,quando il destino è inesorabile

Requiem for a dream

In caduta libera verso l’oblio

Requiem for a dream è diventato famoso per le scene particolarmente violente e disturbanti. Presentato alla 53° mostra del cinema di venezia fuori concorso.

Il film ha come protagonisti una casalinga Sara, suo figlio tossicodipendente Harry e la sua ragazza Marion.

Le tre stagioni che danno ritmo al film sono l’estate (ascesa dei personaggi), l’autunno (La caduta dei personaggi) e l’inverno (oblio dei personaggi).

La primavera è stata omessa , perché stagione di rinascita dove la vita prospera.

Durante la prima parte del film tutti i personaggi hanno una prospettiva di vita felice.

requiem for a dream

Estate


Sara ,dopo la chiamata da una trasmissione televisiva di è accanita ascoltatrice, inizia una dieta a base di farmaci. Alla fine della stagione raggiunge dei risultati soddisfacenti che la fanno sognare la televisione.

Harry inizia con un amico a spacciare eroina, gli affari cominciano ad andare bene , tanto che i due decidono di espandersi per avere maggiori profitti.

Marion ha sempre sognato di fare la stilista. Quando Harry comincia a realizzare grandi guadagni decide di affittare quello sarà l’atelier dove la sua ragazza  potrà iniziare la sua attività.


Insomma tutto sembra andare per il meglio ai nostri personaggi , ma l’autunno gli farà cadere da un dirupo dal quale non riusciranno più a risalire.

Alcune scene del film sono davvero forti, sopratutto alla fine, il regista sembra accanirsi sui personaggi che ormai sono sballottati dagli eventi senza alcun potere di reazione.

La sinfonia composta dai sogni dei protagonisti si trasforma in un fastidioso martellio di suoni stridenti. Il ritmo diventa sempre più incalzante, martellate si scagliano sui corpi dei personaggi. Essi verranno devastati nel profondo delle loro anime e dei loro corpi.

Una di quelle storie che vi lasceranno quella fastidiosa sensazione di angoscia, quella sensazione che si prova quando si perde ogni speranza.

Valutazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *